Addio a Paddy Hopkirk, uno dei più grandi di sempre - image  on https://motori.net
You are here

Addio a Paddy Hopkirk, uno dei più grandi di sempre

Addio a Paddy Hopkirk, uno dei più grandi di sempre - image Montecarlo-1964 on https://motori.net

Si è spento a 87 anni il leggendario vincitore del Rallye di Monte Carlo del 1964.

Giovedì 21 Luglio 2022, l’idolo del motorsport britannico Patrick Barron Hopkirk MBE si è spento nel Buckinghamshire. Nato a Belfast il 14 Aprile 1933, Paddy – come era affettuosamente conosciuto – iniziò la sua carriera di pilota negli Anni ‘50. Il mondo del motorsport e la comunità Mini piangono la perdita di una figura importante del settore.

Pilota e uomo d’affari di successo, debuttò nel motorsport al Circuit of Ireland e con il suo primo Hewison Trophy come pilota di rally irlandese di maggior successo dell’anno. Nei decenni successivi, si sono susseguiti numerosi impegni con vari marchi e importanti rally, come il Safari Rally, il RAC Rally, l’Acropolis Rally, il Tulip Rally, l’Alpine Rally e molti altri.

Hopkirk concluse la sua prima partecipazione al Rally di Monte Carlo nel 1962 al terzo posto con una Sunbeam Rapier. Un anno dopo, si piazzò al sesto posto con una Mini classica.

Nel 1964 Hopkirk entrò definitivamente nei libri di storia dell’automobilismo con la Mini classica. In un drammatico duello con lo svedese Bo Ljungfeldt e la sua Ford Falcon, decisamente superiore a livello di motore, Hopkirk diede vita a una prova di forza al Col de Turini e alla fine vinse la classifica generale, conquistando la prima vittoria del Monte per la Mini.

Il colpo a sorpresa fu celebrato freneticamente in Gran Bretagna, facendo diventare la Mini classica una leggenda e Hopkirk il pilota di rally più famoso da un giorno all’altro. Il primo ministro britannico inviò le sue congratulazioni e i Beatles inviarono un biglietto con le parole “Ora sei uno di noi, Paddy”.

Ma cosa dicono i numeri e le vittorie di una persona? Hopkirk era anche conosciuto tra i colleghi, la famiglia, gli amici e i fan come uno sportivo corretto. Nel 1968, lui e il suo copilota Tony Nash erano in testa alla maratona Londra-Sydney e fermarono la loro Austin per liberare un membro della squadra appena ferito dal suo veicolo in fiamme.

Oggi, anche se dobbiamo dire addio a Paddy, sappiamo che la sua eredità rimarrà per sempre.

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.